Fumetti

Da Witcher Wiki.
Komiks Geralt okladka.jpg

I fumetti basati sui racconti di "The Witcher" di Andrzej Sapkowski, sono divise in 3 serie. La serie originale pubblicata tra il 1993-1995, La nuova serie del 2011 e la serie della Dark Horse del 2014.

Serie Originale[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di 6 fumetti basati sui racconti di Andrzej Sapkowski, scritti da Maciej Parowski e illustrati da Bogusław Polch. Il fumetto fu pubblicato da Prószyński i S-ka.

Gli episodi, in ordine di pubblicazione, sono:

Nel 2001 i 6 fumetti sono stati raccolti in 2 volumi, secondo l'ordine cronologico della trama:

Volume 1:

  • Droga bez powrotu
  • Zdrada
  • Geralt

Volume 2:

  • Mniejsze zło
  • Ostatnie życzenie
  • Granica możliwości

Sequel cancellato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 fu annunciato un sequel che avrebbe coperto gli eventi dei romanzi di Sapkowski, il quale doveva essere di nuovo scritto da Maciej Parowski e originariamente illustrato da Przemysław Truściński (che aveva anche creato molti concept art per il videogioco The Witcher), e più tardi da Marek Oleksicki. Questa serie purtroppo fu cancellata nel 2010, anche se alcune pagine di entrambe le versioni di Truściński e Oleksicki sono state rilasciate sul web.

Nuove serie[modifica | modifica wikitesto]

Geralt in Racja stanu

Una nuova serie di fumetti, non basati su novelle o racconti nè connessi a fumetti precedenti, ma contenente avventure inedite di Geralt di Rivia, fu realizzata nel 2011. La serie fu scritta da Maciej Parowski e illustrata da Przemysław Truściński (il concept artist per The Witcher il videogioco) ed edito da CD Projekt, sviluppatore del videogioco.

Serie Dark Horse[modifica | modifica wikitesto]

La Casa di Vetro è serie di fumetti scritti da Paul Tobin e illustrati da Joe Querio pubblicati tra marzo e luglio 2014. Una nuova serie, Fox Children verrà pubblicata ad aprile 2015.

Serie basata sui racconti[modifica | modifica wikitesto]

Una nuova serie basata sugli avvenimenti dei racconti doveva essere scritta da Maciej Parowski e illustrata in origine da Przemysław Truściński e poi da Marek Oleksicki. Questa serie fu apparentemente cancellata.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]