Aen Saevherne

Da Witcher Wiki.
Un Aen Saevherne in Gwent: The Witcher Card Game

Gli Aen Saevherne sono i maghi elfi che possiedono un'ampia conoscenza in molte materie, tra cui la genealogia del Sangue Ancestrale. I saggi di questo popolo sono oracoli e dispensano profezie . Nel tempo, la gente semplificò questo termine chiamandoli semplicemente "saggi" o "maghi elfi". Francesca Findabair, che sedeva nel Capitolo dei Maghi era un'elfa maga, ma non una degli Aen Saevherne.

Per molti, sono più leggenda che realtà. Pochissimi, anche tra gli elfi, possono vantare uno stretto contatto con un Aen Saevherne.

Aen Saevherne conosciuti[modifica | modifica wikitesto]

In The Witcher 3: Wild Hunt[modifica | modifica wikitesto]

Molti pensano che Aen Saevherne, che significa "saggio", in lingua antica fosse un sinonimo di mago e così equiparano i saggi ai comuni praticanti di magia. Questo equivale invece a equiparare un soldato appena arruolato e con i calzoni ancora sporchi di erba a un witcher solo perché entrambi portano una spada!
Un saggio padroneggia la magia, questo è vero, ma a un livello di abilità sommamente superiore a quello dei maghi umani. Tuttavia sono celebri e stimati non solo per questa ragione, ma in virtù delle rare abilità di cui sono in possesso.
Niente rimane segreto a un saggio elfico: questi vede il passato e il futuro chiaramente quanto il presente. Conoscono gli arcani della magia come pure ogni branca del sapere. Sono gli unici a comprendere la natura e il modo di operare del cosiddetto Sangue Ancestrale e della progenie di Lara Dorren, e custodiscono gelosamente tale segreto.
Quanti sono i saggi elfici? In tutta la mia vita ne ho conosciuta una soltanto, Ida Emean delle Montagne Blu, che potrebbe essere l'unica rappresentante rimasta di questa misteriosa casta. A dire il vero ho incontrato anche un elfo che potrebbe appartenervi, ma non sono in possesso di prove certe.
― Da "I saggi elfici"