Hi Gamepedia users and contributors! Please complete this survey to help us learn how to better meet your needs in the future. We have one for editors and readers. This should only take about 7 minutes!

Anfiteatro di Loc Muinne

Da Witcher Wiki.
Anfiteatro di Loc Muinne
Tw2 journal amphitheatre.png
Dettagli
Tipo
Anfiteatro
Luogo
Loc Muinne
Capitolo
Capitolo III

L'anfiteatro di Loc Muinne si trova nella zona occidentale della città di Loc Muinne in The Witcher 2: Assassins of Kings.

In quest'area si tiene il concilio tra i maghi e gli esponenti più importanti dei Regni Settentrionali, per decidere il nuovo assetto geopolitico del continente. All'esterno invece, si sono riuniti per l'occasione una serie di mercanti e saltimbanchi, tra cui Falas e la sua compagna, l'elfa barbuta. Qui si trova anche uno dei laboratori segreti con i sigilli magici, del Contratto per i gargoyle.

L'area dell'anfiteatro stesso non è accessibile fino al termine del Capitolo III, quando si tiene il vertice. Ed è anche il luogo in cui avviene lo scontro finale col in drago.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Se nel Prologo hai deciso di non uccidere il giovane Aryan La Valette, lo rincontrerai di nuovo qui, a Loc Muinne nel Capitolo III. Aryan è deciso ad assistere alle trattative del vertice con i sovrani dei Regni Settentrionali, probabilmente sperando di una sua parte negli eventi futuri. Aryan fa cenno anche alla scomparsa di sua sorella Anais, dicendo che è stata rapita. Se hai scelto di allearti con Iorveth, purtroppo non saprai mai di che cosa sta parlando, nè hai la possibilità di aiutare la bambina. Aryan non fa invece alcun cenno al fratellino, Boussy altrettanto scomparso (probabilmente ucciso).

Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Missioni Associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Tempo fa, l'anfiteatro di Loc Muinne era la perla della città. Ormai privo di decorazioni e in rovina, rimane comunque impressionante. Gli elfi lo utilizzavano come teatro e palcoscenico per i poeti, e forse come arena per i gladiatori. Durante gli eventi del racconto, invece, si trasformò in un centro conferenze per i maghi e i sovrani.