Join The Fan Lab, a private Fandom research community for users in the US and UK where you will be asked to share your opinions on all things gaming and entertainment! Click here to see if you qualify

Arachas velenose

Da Witcher Wiki.


Arachas velenose
Tw3 journal venomousarachas.png
Dettagli
Classe
Insettoidi
Variazioni
Arachas
Arachas corazzate
Apparizioni
Foreste e boschi
Valore armatura
100
Resistenze
30% danni fisici
Punti deboli
Rigogolo dorato
Unguento anti-insettoidi
Creazione/Alchimia
Occhi di arachas
Guscio chitinoso
Veleno di arachas

Le arachas velenose sono una variazione delle normali arachas. Appaiono in The Witcher 3: Wild Hunt.

Dal diario[modifica | modifica sorgente]

È solo un graffio, me la caverò.
— Ultime parole di un cacciatore ignoto
Sebbene tutte le arachas siano altamente velenose, questa specie produce una tossina particolarmente pericolosa. Alcune gocce di veleno sono sufficienti a uccidere un uomo adulto... a meno che non si tratti di un witcher, le cui mutazioni neutralizzano piccole quantità di questo veleno. Tuttavia, grandi quantità di veleno uccideranno chiunque, e le mutazioni potranno solo prolungare una morte inevitabile e dolorosa.
Le arachas velenose producono enormi quantità di questa tossina e la utilizzano in combattimento in diversi modi. Prima di colpire, un'arachas velenosa ricopre le chele e i denti di un denso strato di questo liquido mortale. Inoltre, spruzzerà il veleno contro l'avversario per indebolirlo e, una volta ingaggiato in combattimento, continuerà a spruzzare liquido nocivo attorno a sé, portando la vittima più vicina alla morte con ogni suo respiro. Come gli altri membri di questa specie, le arachas velenose usano dei tentacoli prensili per afferrare e immobilizzare la preda. Per affrontare questa creatura, i witcher dovrebbero assumere del Rigogolo dorato per ridurre la propria vulnerabilità al veleno e attaccare da distanza di sicurezza con balestra o bombe, per poi infliggere i copi di grazia con una spada d'argento ricoperta di unguento anti-insettoidi.

Vedi anche[modifica | modifica sorgente]