Cerys an Craite

Da Witcher Wiki.
Cerys
Tw3 journal cerys.png
Module
Dettagli
Pseudonimi
Aquila
Titolo
Regina delle isole Skellige (opzionale)
Razza
Umani
Cultura
Isolani
Sesso
Femmina
Occhi
Marroni
Capelli
Rossicci
Nazionalità
Flag Skellige.png
Luogo
Ard Skellig
Famiglia
Genitori
Crach an Craite (padre)
Famiglia
Clan an Craite
Parenti
Hjalmar an Craite (fratello)
Compare in
Interpreti

Sarah Greene

Cerys an Craite (anche chiamata "Aquila") è la figlia di Crach an Craite e la sorella di Hjalmar. In The Witcher 3: Wild Hunt, Geralt può decidere di aiutare Cerys o Hjalmar a divenire il nuovo sovrano delle Skellige durante una serie di missioni.

La giovane donna è un'isolana coraggiosa come il padre, dal quale ha ereditato anche la testardaggine. È molto sicura di sé ed è sempre pronta a dimostrare di essere in grado di svolgere qualunque compito in maniera impeccabile, come un qualsiasi uomo.

Durante la missione "Possessione", salpa per Spikeroog per liberare lo Jarl Udalryk da una maledizione, per dimostrare il suo valore come futura regnante.

È una possibile alleata durante la missione "Fratelli d'armi: Skellige" se suo fratello Hjalmar diventa re. In caso contrario, lei sarà regina e Hjalmar l'alleato.

Se diviene regina, Skellige prospera pacificamente sotto la sua guida.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo soggiorno a Skellige, Geralt ebbe finalmente l'occasione di conoscere Cerys an Craite, la figlia più giovane di Crach. Nota come "Aquila" tra gli amici più stretti, era feroce e risoluta (nonché veloce) come il suo soprannome indicava. Cerys era in tutto e per tutto un'abitante delle isole, nonché l'immagine sputata del padre, avendone ereditato coraggio, risolutezza e testardaggine. Impavida e determinata, cercava sempre di dimostrare che non esisteva compito in cui non era al pari o addirittura migliore di qualsiasi uomo delle isole, compreso (e soprattutto) suo fratello maggiore, Hjalmar.
Sebbene la decisione di Cerys di avanzare pretese sul trono di Skellige avesse sorpreso tutti, la ragazza ci aveva riflettuto a lungo. Cercando, come sempre, di superare il fratello, aveva in mente di compiere una grande impresa che le avrebbe permesso di ottenere riconoscimento e rispetto. Per questo motivo era salpata per Spikeroog per liberare lo jarl Udalryk dallo strano tormento che sembrava averlo maledetto.
Cerys fece ciò che si era preposta: con l'aiuto del witcher, liberò il capo del clan Brokvar dal wraith che lo aveva tormentato per anni.
Se Cerys diviene regina:
Ancora una volta, Aquila diede prova della sua astuzia, questa volta smascherando il complotto di Birna e ripulendo il nome del suo clan dal disonore dell'infame "banchetto sanguinario" di Kaer Trolde.
Tutte queste imprese convinsero gli abitanti di Skellige del fatto che Cerys fosse adatta a diventare regina. Sebbene fosse evidente che ci sarebbe voluto del tempo prima che la giovane sovrana riuscisse a uscire dall'ombra del padre e del fratello, buona parte degli abitanti era felice e orgogliosa della scelta.
Se Hjalmar diviene re:
Cerys accettò con dignità la sconfitta nella corsa per la corona contro suo fratello Hjalmar. Inoltre, annunciò che il nuovo capo di Skellige avrebbe avuto il suo sostegno, senza alcuna riserva.
Se Svanrige diviene re:
Purtroppo la figlia di Crach morì insieme al fratello durante un attacco fallito contro la flotta nilfgaardiana. Gli abitanti di Skellige piansero a lungo la morte prematura della coraggiosa Aquila.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]