Ciri

Da Witcher Wiki.
Ciri in The Witcher 3

Cirilla Fiona Elen Riannon (conosciuta come Ciri o la Leoncina di Cintra) è nata nel 1252, probabilmente durante il periodo della festa di Belleteyn. Ciri è la principessa di Cintra, figlia di Pavetta e Duny (di Erlenwald), nipote della regina Calanthe ed unica erede al trono.

Ciri è uno dei personaggi principali della Saga Witcher e compare per la prima volta in La Spada del Destino, la seconda raccolta di racconti scritta da Andrzej Sapkowski.

Attenzione: Spoiler!: Significativi dettagli della trama a seguire.

Gli eventi che portano all'incontro tra Ciri e lo strigo Geralt di Rivia hanno inizio nel racconto Una Questione di prezzo, nel quale si narra di come Geralt liberò Istrice di Erlenwald da una maledizione. Geralt fece un patto con il cavaliere secondo l'antica usanza della Legge della Sorpresa, secondo il quale il cavaliere avrebbe dato allo strigo il suo figlio ancora non nato. Subito dopo la fine della maledizione infatti, Duny e Pavetta già incinta, si sposarono ed ebbero una figlia. Sei anni dopo la sua nascita, Geralt fece ritorno a Cintra per prendere il bambino legato a lui dal Destino e farne di lui uno strigo. Ma non sapeva ancora che si trattava di una femmina e la regina Calanthe si oppose a lasciarlo andare via con lui. Geralt decise di rinunciare al piccolo venendo meno così al giuramento della Legge della Sorpresa.

Nei racconti La spada del destino e Qualcosa di più[modifica | modifica wikitesto]

Quattro anni dopo, nel racconto La Spada del Destino, Geralt e Ciri si incontrarono per caso nella foresta di Brokilon, dove lo strigo salvò la vita alla bambina. Ciri fu portata dalle driadi nel cuore della foresta, per diventare una di loro ma la regina Eithné decise di lasciar scegliere alla bambina il proprio futuro. Durante il viaggio nella foresta, la piccola si era legata fortemente a Geralt e così scelse di rimanere con lui e lasciare Brokilon. Neppure in quel caso tuttavia lo strigo si decise a prenderla con sé e voltò ancora una volta le spalle al Destino: troppi pericoli, troppi rischi nella sua vita da strigo per una bambina così piccola. Così Geralt affidò Ciri al druido Saccoditopo che era al servizio di Calanthe. Fu soltanto poco tempo dopo che Ciri e Geralt s'incontrarono di nuovo nel Sodden Inferiore e questa volta, Geralt decise di non separarsi da lei. Durante l'assedio di Cintra e l'invasione dell'Impero di Nilfgaard, l'intera corte si suicidò e la regina Calanthe morì gettandosi dalla torre del castello per non essere fatta prigioniera dal nemico. Essendo completamente rimasta orfana e sola al mondo, Geralt divenne la sua nuova famiglia.

In Il Sangue degli Elfi[modifica | modifica wikitesto]

Durante la guerra e il massacro di Cintra, un cavaliere nilfgaardiano fu mandato sulle tracce della bambina con l'intenzione di catturarla e portarla all'Imperatore di Nilfgaard, ma senza successo. Ciri scappò e vagò insieme ai profughi per mesi, finché non raggiunse la casa del mercante Yurga a Sodden Superiore dove si ricongiunse con lo strigo Geralt. Geralt condusse la bambina all'antica fortezza di Kaer Morhen dimora degli strighi, dove con l'aiuto di Vesemir, Lambert, Eskel e Coën iniziò in parte l'addestramento da strigo (ma non la mutazione). Dopo una serie di strani episodi magici, gli strighi decisero di chiamare la maga Triss Merigold che confermò che la bambina era una Fonte e così decise di aiutarla a dominare i suoi poteri. Geralt e Triss condussero Ciri al Tempio di Melitele in Ellander dove ricevette inizialmente istruzione dalla sacerdotessa Nenneke. Successivamente Yennefer si prese cura della piccola, iniziando la sua formazione come maga. Il rapporto tra la ragazzina e la maga, sebbene freddo in un primo momento, si rafforzò e nacque un reciproco affetto di madre-figlia.

In Il Tempo della Guerra e Il Battesimo del Fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Quando la notizia della guerra cominciò a diffondersi, Ciri e Yennefer lasciarono Ellander per dirigersi a Gors Velen e a Hirundum, dove si ricongiunsero con Geralt e Ranuncolo. Il gruppo si diresse infine sull'Isola di Thanedd, dove Yennefer intendeva iscrivere la ragazza alla scuola di magia di Aretuza e nel frattempo partecipare al Conclave dei Maghi che si sarebbe tenuto di lì a poco. In seguito scoppiò una sommossa che passò alla storia come il Colpo di Thanedd. Ciri riuscì a fuggire attraverso un portale magico nella Torre dei Gabbiani e fu teletrasportata nel Deserto di Korath, chiamato anche Il Forno, nel quale vagò sola a lungo. Dopo aver girato in tondo e a vuoto la ragazza decise di seguire le stelle come guida per uscire dal deserto e si diresse in direzione ovest. Senza risorse e quasi morta di stanchezza, disidratazione e inedia, Ciri si lasciò cadere a terra semisvenuta. Con stupore e meraviglia la sua attenzione fu attratta da un piccolo unicorno, evidentemente sperduto come lei, che lei soprannominò "Cavallino". Insieme, riuscirono ad uscire dal deserto.

Successivamente Ciri viene catturata da una banda di briganti, i Segugi, mandata dal prefetto di Amarillo per portarla a Nilfgaard. La banda condusse Ciri a Glyswen, dove la ragazza riuscì a liberarsi e si unì alla banda dei Ratti, sotto il falso nome di Falka.


Attenzione: Spoiler!: Significativi dettagli della trama a seguire.

In La Torre della Rondine[modifica | modifica wikitesto]

Un cacciatore di taglie, Leo Bonhart, fu ingaggiato da Stefan Skellen (al servizio dell'Imperatore di Nilfgaard) per uccidere Ciri e dal barone Casadei per catturarla viva, dopo che questi aveva subito un affronto durante una delle scorribande dei Ratti. Bonhart massacrò l'intera banda e tagliò loro le teste, ma non uccise Ciri né la condusse dal barone Casadei. Bonhart l'imprigionò invece, picchiandola e torturandola per costringerla a combattere nell'arena di Claremont. Ciri riuscì a fuggire infine da Bonhart. Il cacciatore tentò di riprenderla e nello scontro la ferì molto gravemente. Tuttavia la fanciulla scappò e si nascose nell'eremo di Vysogota di Corvo, nella quale fu curata. Bonhart continuò a darle la caccia, ma Ciri infine giunse a Tor Zireael, attraversò il portale magico e finì nel mondo degli Aen Elle.

In La Signora del Lago[modifica | modifica wikitesto]

Giunta nel mondo degli Alti Elfi, Ciri incontrò Avallac'h un Aen Saevherne. L'elfo le spiegò che Ciri doveva "pagare un debito" ed espiare le colpe di Cregennan di Lod, l'umano che innamoratosi dell'elfa Lara Dorren, l'aveva portata via dal mondo degli Aen Elle. Gli elfi credevano infatti che Cregennan avesse rubato il sangue antico sposando Lara. Per espiare per questo crimine Avallac'h cercò di convincere Ciri a giacere con Auberon Muircetach, il re del Aen Elle per generare un erede. Dopo di che, Avallac'h le avrebbe permesso di fare ritorno al suo mondo. Ciri fece la conoscenza anche di Eredin Bréacc Glas e dei suoi Dearg Ruadhri, i Cavalieri Rossi. Ciri fu inizialmente attratta da lui ma quando egli se ne rese conto cercò di manipolarla. Durante una passeggiata insieme, s'imbatterono in un branco di unicorni che sembrava essere in guerra con gli Aen Elle.

A Tir ná Lia, la capitale degli Aen Elle, Ciri finalmente incontrò il re Auberon che per molte volte cercò di concepire un figlio con lei. Ma il re non ci riusciva, poiché per lui Ciri non era che un semplice essere umano, un essere senza alcun interesse per un Aen Elle. Eredin suggerì quindi a Ciri di utilizzare un elisir per migliorare i rapporti con il re e curare la sua impotenza. Eredin le fece anche sapere che non le sarebbe mai stato permesso di lasciare il mondo degli Aen Elle, il suo posto era ormai in quel luogo. Ciri chiese e trovò aiuto negli unicorni, tra i quali rincontrò "Cavallino", l'unicorno del Deserto di Korath. Il suo vero nome era Ihuarraquax ed era ormai diventato adulto. Gli unicorni le spiegarono che sia Avallac'h che Eredin avevano una volta posseduto Il Cancello dei Mondi, un potere mistico noto solo a chi aveva nelle vene il sangue antico, ma lo avevano perso. Gli elfi ora volevano questi poteri indietro e per questo avevano bisogno di Ciri e dei suoi poteri magici. Per impedirlo, gli unicorni la aiutarono a fuggire dagli Aen Elle.

Quello stesso giorno Ciri visitò per l'ultima volta Auberon, solo per scoprire che aveva bevuto accidentalmente l'elisir datogli da Eredin. La pozione si rivelò però essere un veleno che uccise il re. Temendo di essere accusata, Ciri tentò di fuggire da Tir ná Lia quella notte stessa, varcando la barriera magica che proteggeva la città con una barca percorrendo la corrente del fiume. Eredin riuscì a fermarla e le rivelò le sue vere intenzioni e quelle di Avallac'h: non potevano permetterle di andarsene dal mondo degli Aen Elle. Ciri ed Eredin si scontrarono, Ciri vinse il combattimento con un inganno, lo ferì e lo gettò nel fiume. Più tardi ritrovò la sua giumenta Kelpie e con l'aiuto di Ihuarraquax, fuggì da Tir nà Lia.

Cavalcando insieme, i due si imbatterono in una fossa piena di ossa umane. Evidentemente Tir ná Lia era appartenuta agli umani in passato, fino a quando gli elfi guidati da Eredin e Avallac'h giunsero a sterminarli, utilizzando proprio il potere de "Il Cancello dei Mondi". Se si fossero impadroniti di nuovo del potere, avrebbero varcato i confini di altri mondi, tra cui forse quello di Ciri, per conquistare e sottomettere i popoli. I Cavalieri Rossi di Eredin non tardarono a raggiungere Ciri e Ihuarraquax. L'unicorno aiutò Ciri a saltare in un altro mondo attraverso un portale magico, fuggendo definitivamente dagli Aen Elle. La creazione di un portale magico dal nulla costò a Ciri una grande manifestazione del suo immenso potere magico, per cui successivamente Ciri fu soprannominata "Signora dei Mondi". Ciri poteva ora non solo viaggiare tra i mondi nello spazio ma anche nel tempo. Tuttavia le ci volle molto tempo per imparare a controllare questo potere e tornare infine al suo mondo di origine.

Quando infine Ciri riuscì a tornare a casa, potè finalmente riabbracciare i suoi adorati genitori adottivi Geralt e Yennefer. Ma di lì a poco si svolse la resa dei conti con i suoi vecchi nemici che ancora le davano la caccia, Leo Bonhart e Vilgefortz. Lo scontro si svolse al Castello di Stygga, dove infine Ciri uccise Bonhart e dove anche il vampiro Regis (amico di Geralt e Ranucolo) trovò la morte.

Significativi dettagli della trama finiscono qui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

In Il Sangue degli Elfi, si dice che il nome di Ciri deriva dal termine in Lingua Antica Zireael, che significa rondine.

The Hexer film e serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Marta Bitner è Ciri in The Hexer serie TV

In The Hexer, Ciri era interpretata da Marta Bitner.

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

In The Witcher, nel Capitolo IV, il locandiere della locanda, al villaggio di Acque Oscure, racconta a Geralt la storia di una fanciulla che fu una maga, una principessa e una witcher. Si riferisce evidentemente a Ciri, anche se la fanciulla non fu mai veramente un witcher perché non fu sottoposta alla Prova delle Erbe e alle mutazioni, come d'obbligo per tutti i giovani strighi.

In The Witcher 2: Assassins of Kings[modifica | modifica wikitesto]

Nel sequel del primo videogioco, The Witcher 2, Ciri viene solamente menzionata in uno dei flashback di Geralt, quando lo strigo ricorda la sua morte. Nel gioco si dice che una fanciulla dai capelli color cenere, accompagnata da un unicorno, compare a Rivia e porta via con sé i corpi dei due amanti, Geralt e Yennefer, probabilmente sull'Isola di Malus.

In The Witcher 3: Wild Hunt[modifica | modifica wikitesto]

La presenza di Ciri nel gioco giocherà un ruolo importante ed è stata confermata nel trailer Sword of Destiny, dove si può vedere una sua fugace apparizione.

Ciri è stata confermata come secondo personaggio giocabile. CD Projekt RED ha inoltre affermato che non saremo in grado di passare da lei a Geralt e viceversa a nostro piacimento, ma in certi momenti del gioco saremo chiamati a vestire i panni della ragazza. Questi momenti saranno, tra l'altro, molto significativi in termini di trama. Alcune notizie su Ciri estrapolate da un'intervista a CDPR di Official PlayStation Magazine UK riportano che:

  • Ciri, rispetto a Geralt, è più veloce (in che modo, quando lui è un mutante con riflessi sovrumani, non si sa ancora) e utilizza solo una spada, ha alcune abilità speciali che non sono ancora state rivelate.
  • Avrà circa 10 missioni da portare a termine, indipendenti da quelle di Geralt.
  • Ciò permette di "migliorare l'esperienza" aggiungendo un personaggio che avrebbe fatto / detto cose che Geralt invece non avrebbe potuto fare o dire.
  • Al fine di evitare che il passaggio tra i due personaggi risulti ripetitivo, Ciri comparirà solo nei momenti importanti della trama e le sue apparizioni saranno "imprevedibili".

Sarà doppiata da Jo Wyatt.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]



Dinastia di Cintra
early Stemma di Cintra

Attuale stemma di Cintra

CerbinCorrelCoram ICoram IICorbettDagoradCalantheRoegnerEist TuirseachDuny
Regine
Becca di NazairEschiva di SoddenRigoberta di LyriaFiona di TemeriaElen di KaedwenAdaliaCalantheCirilla
Altri membri della famiglia reale
CirraPavettaCirilla