Hello there! We are conducting a survey to better understand the user experience in making a first edit. If you have ever made an edit on Gamepedia, please fill out the survey. Thank you!

Coen

Da Witcher Wiki.
(Reindirizzamento da Coën)


Coen
Nessuna immagine
Dettagli
Pseudonimi
Coën
Mestiere
Strigo
Sesso
Maschio
Razza
Umano / Strigo
Cultura
Regni Settentrionali
Nazionalità
Poviss
Affiliazione
Scuola del Grifone[1]
Abilità speciali
Abile spadaccino
Alchimia
Segni
Equitazione
Abilità sovrumane
Luogo
Kaer Morhen
Brenna
Aspetto fisico
Occhi
Giallo-verdi
Capelli
Neri
Famiglia
Compare in

Coen è uno strigo di Poviss che trascorse il suo primo inverno a Kaer Morhen, quando Geralt portò Ciri alla fortezza. Coen addestrò la bambina al combattimento con la spada. Compare nel romanzo Il Sangue degli Elfi.

Nella Saga Witcher[modifica | modifica wikitesto]

«Triss Merigold, Coen. Coen passa il suo primo inverno con noi. Viene dal Nord, da Poviss», li presentò Geralt.

Il giovane strigo s'inchinò. Aveva iridi giallo-verdi incredibilmente chiare, e le pupille solcate da filetti rossi testimoniavano un processo di mutazione difficile e problematico.


Le sue caratteristiche fisiche erano inusuali per uno strigo, siccome si era procurato delle cicatrici a causa di una malattia infantile, come la varicella. Soleva coprirle con una barba, mentre la maggior parte degli strighi si erano già immunizzati prima di contrarre tali malattie. Quindi o aveva preso l'infezione molto presto nella sua infanzia, oppure il suo addestramento da strigo avvenne molto dopo questo periodo. Anche il processo di mutazione cui era stato sottoposto non fu dei più semplici, infatti aveva delle striature rosse negli occhi che indicavano un difficile adattamento alla mutazione.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Coen morì nella nella Battaglia di Brenna (come Ciri aveva predetto) trafitto da una doppia falce.

Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

In The Witcher, il giardiniere dell'Ospedale S. Lebioda racconta la storia di una spada d'argento che appartenne ad un altro witcher, di nome Coen e di come questi rise della propria morte quando gli consegnò la spada. Anche Shani dà alcuni dettagli su Coen quando Geralt le domanda dell'arma.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]