Djinn

Da Witcher Wiki.

Djinni è il nome dato ai geni del Piano Elementale dell'Aria. Dandelion liberò un d'jinni che mise a soqquadro la città di Rinde, nel racconto "L'ultimo desiderio". Il mago Geoffrey Monck aveva numerosi d'jinni intrappolati dentro delle bottiglie. Essi diventavano liberi dopo aver esaudito tre desideri.

“Esatto. Come vedo, nonostante tutto qualcosa lo sai. Si dice che il vecchio Monck avesse trovato un modo per costringere un jinn, un genio dell'aria, a servirlo. Giravano voci che ne avesse più d'uno. Pare li tenesse in bottiglie e se ne servisse secondo necessità; ognuno di essi poteva esaudire tre desideri. Perché un genio, signori miei, esaudisce solo tre desideri, dopodiché è libero e torna nella sua dimensione.”


In The Witcher 3: Wild Hunt[modifica | modifica wikitesto]

Djinn

Tw3 journal djinn locked.png

Tw3 journal djinn.png

Dettagli
Classe
Costrutti
Boss
Punti deboli
Bombe al dimeritium
Unguenti anti-costrutti
Creazione/Alchimia
Mutagene di elementale della terra
Essenza elementale
Glifo di Quen minore
Frammento infuso
Artiglio di mostro
Tessuto di mostro polverizzato
Occhio di mostro
Quinta essenza

Il racconto viene citato più volte in The Witcher 3, dove Geralt e Yennefer tentano di trovare un djinn.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Bestiario[modifica | modifica wikitesto]

Dalla brocca fuoriuscì uno sbuffo di fumo rosso pulsante, che si avvolse fino a formare una sfera sospesa in aria di fronte al poeta...
- Il Primo Desiderio, una storia fantastica in tutti i sensi.

Un djinn è un potente spirito dell'aria, che condensa la potenza del suo elemento con una coscienza e un carattere, in genere perfido. Stando alla leggenda, i djinn possono avverare i desideri più incredibili, pur facendolo di malavoglia.

I maghi molto abili possono catturarli e imprigionarli, per poi succhiare la loro energia e impiegarla per lanciare incantesimi senza ricorrere alle normali fonti del potere magico. In pochi però ci sono riusciti, dal momento che i djinn lottano strenuamente per conservare la loro libertà. Per imprigionare un djinn e piegare la sua volontà bisogna prima indebolirlo, il che è già un'impresa.

Combattere un djinn è incredibilmente difficile. Possono lanciare in un istante incantesimi così complessi da richiedere anni di preparazione a un mago umano. E per di più, manipolando il proprio elemento, l'aria, possono scatenare tempeste, uragani e burrasche. Per fortuna, essendo creature magiche sono vulnerabili all'argento, mentre l'acciaio non li scalfisce nemmeno.

External links[modifica | modifica wikitesto]