Ele'yas

Da Witcher Wiki.
Ele'yas

Ele'yas è un personaggio secondario di The Witcher 2: Assassins of Kings. Si è visto brevemente durante il Capitolo I, all'inizio di "Ad un bivio: Scoia'tael" quando Iorveth gli dice di tenere pronta la sua unità a marciare. Durante il Capitolo II, scegliendo il sentiero Iorveth, lo si trova a vagabondare davanti a Il calderone, nei pressi della bacheca.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Se Geralt si allea con la succube e denuncia Ele'yas a Iorveth, l'elfo tende un agguato al witcher nel villaggio bruciato.

Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Le unità degli Scoia'tael erano formate perlopiù da giovani elfi avventati, che non esitavano a usare la forza nella loro lotta per la libertà. Ele'yas era uno di questi, e veniva considerato uno dei guerrieri migliori dell'unità di Iorveth.
Se Geralt si allea con la succube:
Ele'yas assoldò il witcher per uccidere una succube, un mostro che seduceva e uccideva i giovani uomini. Tuttavia, la succube sostenne che il vero assassino era il geloso elfo, e le prove dimostrarono le sue accuse contro Ele'yas. Quando il witcher decise di riferire a Iorveth i suoi sospetti, Ele'yas si dileguò, cosa che tende a supportare la sua colpevolezza.
Ele'yas assoldò il witcher per uccidere una succube, un mostro che seduceva e uccideva i giovani uomini. Tuttavia, la succube sostenne che il vero assassino era il geloso elfo, e le prove dimostrarono le sue accuse contro Ele'yas. In questa situazione, il witcher decise che uccidere l'aiutante di Iorveth sarebbe stato il male minore. E così, dopo un breve scontro, si concluse la vita di Ele'yas.
Se Geralt si allea con Ele'yas:
Ele'yas assoldò il witcher per uccidere una succube, un mostro che seduceva e uccideva i giovani uomini. Tuttavia, la succube sostenne che il vero assassino era il geloso elfo. Geralt non credette a una sola parola del mostro e la uccise, guadagnandosi la gratitudine dell'aiutante di Iorveth.