Eyck di Denesle

Da Witcher Wiki.
Eyck di Denesle
Eyck of Denesle by Nemanja Stankovic.jpg
Eyck in "Gwent: The Witcher Card Game"
Dettagli
Mestiere
Cavaliere errante
Sesso
Maschio
Razza
Umano
Luogo
Caingorn / Hengfors
Famiglia
Compagno/a
Sophia[1]
Figli/e
Siegfried di Denesle
Compare in
Interpreti
Voce originale
Anthony Howell (Thronebreaker: The Witcher Tales)
Attore
Marek Walczewski

Eyck di Denesle era un cavaliere pio, virtuoso, puro di cuore e immacolato, ma pieno di pregiudizi nei confronti degli strighi, dei maghi e dei non-umani. Inoltre era un vero fanatico della sua religione. Eyck andava in caccia di mostri, per mondare la malvagità che insozzava il mondo (a suo dire). Aveva ucciso manticore, grifoni e draghi. A differenza degli strighi, non si faceva pagare.

Lo strigo emise un fischio sommesso. «Accipicchia... Il devoto e virtuoso Eyck, cavaliere senza macchia e senza paura, in carne e ossa.»

«Lo conosci, Geralt? È davvero un gran cacciatore di draghi?» chiese Borch.

«Eyck se la cava con qualsiasi mostro. Ha ucciso perfino manticore e grifoni. E mi è giunta voce che abbia fatto fuori anche qualche drago. È in gamba. Ma mi rovina la piazza, il furfante, perché non accetta denaro. Chi altri è venuto, Ranuncolo?»


Eyck compare nel racconto "Il limite del possibile", della raccolta La Spada del Destino, dove viene descritto come un "cretino" e un invasato. Girava con la sua armatura sempre al fianco, indossandola prontamente qualora si presentasse occasione di ottemperare alla sua crociata contro il male. Nel racconto, affronta il Drago d'oro in nome di re Niedamir, ma nonostante le chiacchiere e i discorsi pomposi e tracotanti, viene messo fuori combattimento dal bestione in un batter d'occhio.

Nonostante la pessima opinione in merito a maghi e strighi, nel racconto fu Eyck a salvare Yennefer e Geralt di Rivia dal precipizio nel quale rischiarono di cadere.

Nel film e nella serie TV The Hexer[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio della serie TV dedicata al racconto di A. Sapkowski, Eyck si recò a Hołopole per servire dare la caccia al drago, insieme con molti altri cacciatori di trofei.

Eyck di Denesle è interpretato da Marek Walczewski.

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Siegfried di Denesle, Eyck era suo padre, che morì in battaglia contro una Manticora mentre il figlio era lontano da casa. Dagli scritti lasciati da Eyck, Siegfried ha tratto la sua lunga conoscenza delle cockatrici.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]