Foltest

Da Witcher Wiki.
Foltest
Tw2-foltest-john-miles.png
Foltest in "The Witcher 2: Assassins of Kings"
Dettagli
Titolo
Re di Temeria, Pontaria e Mahakam
Principe di Sodden
Signore di Ellander
Protettore di Brugge, Angren e Oltreriva
Sesso
Maschio
Razza
Umano
Cultura
Regni Settentrionali
Nazionalità
Flag Temeria.png
Luogo
Vizima
Aspetto fisico
Capelli
Rossi
Famiglia
Famiglia
Dinastia reale di Temeria
Genitori
Sancia di Sodden (madre)
Medell (padre)
Compagno/a
Adda di Temeria (amante)
Maria Luisa La Valette (amante)
Figli/e
Adda la Bianca (figlia)
Anaïs La Valette (figlia)
Boussy La Valette (figlio)
Parenti
Adda di Temeria (sorella)
Ekkehard (zio materno)
Meve (cugina)[1]
Jurkast di Maribor (lontano cugino)
Compare in
Interpreti
Voce italiana
Marco Pagani
Attore
Edward Żentara

Foltest - Re di Temeria, principe di Sodden, sovrano di Pontar e Mahakam e protettore di Brugge ed Ellander - è il figlio di Re Medell e della regina Sancia di Sodden. Dopo il matrimonio con Medell, anche Sodden divenne uno stato vassallo di Temeria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Foltest era un monarca saggio ed affascinante. Esattamente come il suo predecessore, non vedeva di buon occhio suo nonno, Hugo di Rivia. A seguito della sua incoronazione, fece rimuovere il ritratto di Hugo dalla sala del trono e aveva l'abitudine di "dimenticarsi" della presenza di Hugo nella sua genealogia familiare. Foltest lodava spesso il suo bisnonno, Griffin, e parlava con rispetto anche di "Nonna Bienvenu" e "Bisnonna Clarissa". Tendeva ad evitare le domande riguardanti la sua discendenza.

Nonostante Foltest non si fosse mai sposato, correvano molte voci sulle sue storie romantiche, visto che sin dai suoi primi giorni da reggente ebbe una relazione incestuosa con la sorella Adda di Temeria. Dopo la sua ascesa al trono, voleva sposare Adda e farne la sua regina. Il fatto offese terribilmente il re di Redania, Vizimir II, che aveva preventivamente concordato che Foltest sposasse sua figlia, la principessa Dalimira. Adda morì di parto prematuramente e il matrimonio non avvenne mai, ma la relazione fece scoppiare uno scandalo anche tra i sudditi di Temeria. Da quest'unione nacque una bambina morta alla nascita, maledetta presumibilmente dal cortigiano Ostrit, segretamente innamorato di Adda, oppure dalla regina Sancia, disgustata dalla depravazione dell'unione tra i due fratelli. Dopo sette anni, la piccola risorse dalla tomba come strige e costrinse il re a spostare la sua vecchia residenza altrove. Nonostante ciò, nei successivi sette anni il mostro continuò a dilaniare e terrorizzare i cittadini di Vizima. Il re promise una lauta ricompensa a chiunque fosse riuscito ad uccidere la strige, ma nessuno riuscì. Un giorno, un uomo informò Foltest che la maledizione poteva essere spezzata, e dunque il re proibì a chiunque di tentare di uccidere il mostro.

Nel racconto Lo strigo, della raccolta Il Guardiano degli Innocenti, si narra di come Geralt di Rivia riuscì a spezzare la maledizione e a salvare la vita della principessa (nel filmato introduttivo di "The Witcher" viene proprio narrato questo episodio). Alla bimba venne dato lo stesso nome della madre, Adda. Questa faccenda però macchiò per sempre la reputazione di Foltest, che non poté più sposarsi. La solitudine di Foltest non durò a lungo. Più tardi s'innamorò della Baronessa Maria Luisa La Valette, sposata col l'anziano Barone La Valette. Si dice che i due figli della baronessa, Boussy e Anais, siano in realtà figli di Foltest e non del Barone. La figlia Adda la Bianca è tuttavia l'ufficiale erede al trono di Temeria, anche se la ragazza è ritardata.

Il consiglio reale include la presenza delle maghe Triss Merigold e Keira Metz, insieme con Fercart di Cidaris, Willemer il sacerdote, Bronibor e Hereward di Ellander. Foltest e Demawend di Aedirn si allearono per combattere l'Impero di Nilfgaard, ma l'imperatore Emhyr var Emreis non si fece trovare impreparato e fronteggiò i loro assalti uno dopo l'altro.

Dopo le Guerre Settentrionali, Foltest fu uno dei negoziatori del trattato di pace di Cintra.

Nel film e nella serie TV The Hexer[modifica | modifica wikitesto]

Foltest interpretato da Edward Żentara

Foltest è interpretato da Edward Żentara nel film e nella serie TV. La sua apparizione non è particolarmente fedele ai racconti, dove è descritto come un uomo giovane ed affascinante.

Episodi

  • Rozdroże

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

King Foltest

In The Witcher, Foltest si trova fuori da Vizima per questioni d'affari. Geralt lo incontra solo nel Capitolo V, a Vizima Antica, nel bel mezzo dello scontro tra gli Scoia'tael e l'Ordine della Rosa Fiammeggiante.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

In sua assenza è il borgomastro Velerad ad occuparsi del governo e, come scopriremo successivamente, anche Thaler.

Foltest chiederà di nuovo al witcher di salvare la figlia Adda dalla maledizione, che è tornata su di lei, oppure di ucciderla se necessario. Inoltre darà a Geralt importanti informazioni su come scovare la nascondiglio di Salamandra ed estirpare infine la pericolosa organizzazione criminale.

Nell'Epilogo, Geralt assiste ad un accordo stipulato tra Re Radovid e Foltest, nel Quartiere del Tempio di Vizima, nel quale Redania si offre di appoggiare Temeria per sedare la rivolta. In quest'occasione Geralt riceve la sua ricompensa per i servigi compiuti, ben 10000 oren!

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dettagli significativi della trama finiscono qui.

In The Witcher 2: Assassins of Kings[modifica | modifica wikitesto]

Foltest in The Witcher 2

Re Foltest compare anche nel sequel, The Witcher 2. Dopo essere sopravvissuto al tentato assassinio da parte di un misterioso sicario, grazie al provvidenziale intervendo di Geralt di Rivia, il re incarica il witcher di trovare il mandante e ne fa la sua personale guardia del corpo.

La storia inizia con l'esercito di Foltest che assedia il castello della ribelle baronessa La Valette. Geralt deve aiutare il re nella battaglia e accompagnarlo all'incontro con i suoi due figli, Anais e Boussy.

Al fianco del witcher, Foltest mette i servigi del suo più fidato agente Vernon Roche, capitano delle Bande Blu.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Il Regicida, nascosto nei panni di un monaco nel Tempio del castello La Valette, dopo aver ucciso re Demawend, colpisce una seconda volta uccidendo re Foltest. Geralt assiste impotente alla scena e non riesce a fermare in tempo l'assassino, che fugge dalla fortezza con l'aiuto degli Scoia'tael. Le guardie che giungono sul posto attirate dal rumore, trovano Geralt proteso sul cadavere del Re e lo accusano dell'omicidio. Per questo motivo, Geralt viene imprigionato nei sotterranei del castello e poi interrogato da Vernon Roche.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Foltest
Ripensandoci con il senno di poi, sua maestà Foltest era sicuramente una persona eccezionale se paragonata alle altre teste coronate. Il re di Temeria, principe di Sodden e sovrano del Pontar e di Mahakam, nonché protettore di Brugge e di Ellander, era un monarca deciso e risoluto... Il tipo di uomo che, una volta colpito, emette il suono dell'acciaio, non quello del fango. Rimasto sempre scapolo, aveva condotto una vita privata piuttosto burrascosa. Durante la giovinezza, quand'era ancora un principe, Foltest aveva dato prova di ciò che poteva fare... E poteva fare parecchio. La storia d'amore con sua sorella, da cui era nata una figlia, Adda, era nota in tutto il regno, così come lo era la sua tresca con la Baronessa Marie-Louisa La Valette. Entrambe le relazioni avevano portato a conseguenze disastrose, e Geralt si era trovato coinvolto nei risultati di entrambe.
Quasi sicuramente, Foltest provava davvero qualcosa per la sua ultima amante, e voleva salvare i figli nati da tale relazione. In caso contrario, essi sarebbero stati usati come moneta di scambio in qualche macchinazione politica. Come sempre, quando Foltest prendeva una decisione, nessuno poteva porsi sulla sua strada.
Non sempre la morte dei grandi e dei potenti di questo mondo si confà alla loro vita... L'assassinio avvenne in modo così improvviso che neanche il witcher ebbe il tempo di reagire: la lama di un pugnale squarciò la gola di Foltest, re di Temeria, e il suo sangue macchiò il pavimento del castello dei La Valette. Così morì uno dei re più potenti del Nord, per mano di un assassino travestito da monaco.
Dettagli significativi della trama finiscono qui.

In The Witcher 3: Wild Hunt[modifica | modifica wikitesto]

Foltest non appare in The Witcher 3, tuttavia viene menzionato in alcuni dialoghi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella traduzione di Michael Kandel di The Witcher il racconto, il nome di Foltest venne cambiato in Hrobost.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. La loro parentela è menzionata nel romanzo Il Sangue degli Elfi.