We are currently performing an upgrade to our software. This upgrade will bring MediaWiki from version 1.31 to 1.33. While the upgrade is being performed on your wiki it will be in read-only mode. For more information check here.

Gemmera

Da Witcher Wiki.
Gemmera
Hrb unof Gemmera.png
Araldica
Nome abitanti
Gemmerani
Gemmeriani
Status
Provincia di Nilfgaard
Regno (precedentemente)
Capo di Stato
Governatore Imperiale
Posizione geografica
Places Nilfgaard.png

Gemmera è una delle province meridionali dell'Impero di Nilfgaard, conosciuta per una unità di mercenari che si facevano chiamare i "Pacificatori". Alcuni di essi fecero parte delle guardie al servizio di Stefan Skellen.

Araldica[modifica | modifica sorgente]

Stemma araldico di Gemmera

Lo stemma di Gemmera non viene descritto nei libri. Questo stemma è stato disegnato dal nostro esperto di araldica e di The Witcher Mboro.

Geografia e clima[modifica | modifica sorgente]

Gemmera può essere divisa tra una regione costiera,[1] foreste,[1] steppe e aride colline rocciose. Non vi sono grandi città né strade maestre, ma alcuni borghi e numerosi villaggi collegati da strade in terra battuta.[2]

Società[modifica | modifica sorgente]

Sebbene fossero un popolo barbaro,[1] prima della conquista di Nilfgaard Gemmera era una monarchia governata da un re[2] assistito da duchi dal notevole potere.[1] A corte vi erano dei consiglieri maghi[2] e druidi.[1]

Gli abitanti a volte si mostrano cordiali e sinceri, altre volte violenti e crudeli. Sono abili cavallerizzi, che cavalcano i loro stalloni con passione. Sfortunatamente, questa passione li porta spesso a dedicarsi al brigantaggio e al furto.[1] Esiste un detto crudele, "Alla maniera di Gemmera", che significa uno stupro violento davanti alla famiglia della vittima.[3][1]

Economia[modifica | modifica sorgente]

La regione è famosa per la produzione di patate, sughi e formaggi.[4] Tra le colline, dove si trovano ricchi depositi di dimeritium, sono state aperte delle miniere gestite dall'Impero.[2]

Abitanti conosciuti[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]