Hi Gamepedia users and contributors! Please complete this survey to help us learn how to better meet your needs in the future. We have one for editors and readers. This should only take about 7 minutes!

Kerack

Da Witcher Wiki.
Regno di Kerack
Flag Kerack.svg COA Kerack var1.svg
Bandiera Araldica
Lingua ufficiale
Lingua comune
Capitale
Kerack
Forma di governo
Monarchia patrimoniale
Capo di Stato
Re Belohun (ne La Stagione delle Tempeste)
Re Viraxas (ne La Spada del Destino)
Posizione geografica
Places Kerack.png
Dettaglio dalla mappa di The Witcher

Kerack è una citta-stato e quindi uno dei Regni Settentrionali minori. Confina con Cidaris a nord e con Verden a sud. Ad est si trova la foresta di Brokilon. Il fiume Adalatte separa il regno da Brokilon e Verden.

Kerack è l'ambientazione principale del romanzo La Stagione delle Tempeste di Andrzej Sapkowski.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver monopolizzato l'area, Osmyk si autoproclamò re. Questa fu una semplice formalizzazione dello status quo, perciò non vi furono grandi proteste. Oltre a Belohun, Osmyk ebbe altri quattro figli, ma tutti rinunciarono al trono di Kerack. Secondo quanto riportato, uno di loro abiurò volentieri.

Al centro di Kerack sorge una statua identificata con Osmyk "fondatore" della città, sebbene essa esista da molto tempo prima di lui.

Quando venne scritta l'Encyclopaedia Maxima Mundi, Kerack faceva ancora parte di Cidaris.

Emblemi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Kerack

Lo stemma di Kerack viene descritto nel romanzo La Stagione delle Tempeste. Questo stemma è stato disegnato dall'admin della Wiki polacca ufficiale SMiki55. Per una variante dello stemma, ecco la versione di Mboro.

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera di Kerack

La bandiera di Kerack è stata disegnata dall'admin della Wiki polacca ufficiale SMiki55.

Re e governatori[modifica | modifica wikitesto]

Principali città e fortezze[modifica | modifica wikitesto]

Altri luoghi[modifica | modifica wikitesto]