Lettera della moglie del Conte Beledal

Da Witcher Wiki.
Lettera della moglie del Conte Beledal
Tw3 q304 priscilla letter.png
Oggetto necessario per completare una missione.
Dettagli
Inventario/slot
Oggetti missione / Libri
Categoria
Oggetto comune
Tipo
Altri oggetti
Fonte
Found during the art exhibition
Prezzo base
corone
Peso
0 Peso

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Mio caro,

qui va tutto bene. Il sole splende da giorni e la finestra della stanza di Clarissa resta aperta quasi tutto il giorno. Se potessi vedere il suo faccino con questa luce... Gioia pura! Sembra identica a com'era prima dell'incidente. Se farà più caldo, la farò portare in giardino.

L'altro ieri è venuta in visita Elisa, la moglie di Mastro Buyvarde. Ti ricordi di lei, vero? Quando i Buyvarde si sono trasferiti nel Kovir, tutte le signore esitavano a invitarla alle loro serate per via della sua fama di fattucchiera. Questo soltanto perché, pur non avendo studiato nelle accademie per maghi, prepara unguenti magici e cosmetici. Sembra che abbia imparato quest'arte da una maga elfica che viveva sulle Montagne del Drago.

Sai che non m'importa dei pettegolezzi, perciò quando si è fatta annunciare l'ho invitata subito a bere un bicchiere di limonata. Si tratta di una donna affascinante e le storie che la riguardano sono esagerazioni: in realtà ha studiato per tre anni ad Aretuza, ma poi il padre ha perso tutto e lei ha dovuto smettere di frequentare i corsi. Tuttavia ha una buona conoscenza delle erbe e dei loro effetti magici. Mi ha portato un unguento che devo spalmare sulle gambe di Clarissa ogni mattina per dieci giorni. Terminata la cura, Elisa tornerà a visitarla e in base all'effetto ci darà altre istruzioni. Ho fiducia in lei e nella mia prossima lettera ti racconterò se l'unguento è servito a qualcosa.

Fai attenzione, mio adorato. Non reagire e non fare niente di stupido: non potrei sopportare se ti accadesse qualcosa di male.

Con amore,
Arabella