Lettera scritta col sangue

Da Witcher Wiki.
Lettera scritta col sangue
Tw3 scroll3.png
Oggetto necessario per completare una missione.
Dettagli
Inventario/slot
Oggetti missione / Libri
Categoria
Oggetto comune
Tipo
Altri oggetti
Fonte
Bottino
Prezzo base
corone
Vendita
1 corone
Peso
0 Peso

This letter is found, along with a Chiave arrugginita, in the cellar of the hut on the mainland east of Capo della Gru. Outside the hut are a number of drowner.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Fratelli!

Vi scrivo con il mio stesso sangue affinché non facciate la mia stessa fine.

Seguendo gli ordini di M, sono andato a Novigrad per fare rifornimento e vendere l'ultima partita di fisstech. Ho lasciato gli uomini al mio comando sulla nostra barca con la merce e i soldi, mentre io mi recavo alla capanna sulla spiaggia in attesa degli uomini di WJ. Al loro arrivo, appena dopo il tramonto, uno di loro aveva un sacco di tela sulla schiena, ma non conteneva le corone novigradesi che ci avevano promesso: conteneva la testa dei miei uomini. Quelle canaglie mi hanno chiesto dov'era il fisstech, così gli ho detto che era sulla barca ma che serviva una chiave. Per fortuna avevo preso la precauzione di infilarmela nel sedere, così non me l'hanno trovata addosso. Mi hanno interrogato brutalmente, ma non ho aperto bocca. Ho detto che la chiave ce l'aveva uno degli uomini a bordo, e che ero solo un negoziatore. Volevano uccidermi, ma il loro capitano all'ultimo minuto ha cambiato idea. Mi hanno chiuso in questa dannata gabbia, a morire di fame e di sete.

Il secondo giorno di prigionia ho sentito i miei rapitori che urlavano. Non so se si è trattato di una allucinazione, ma credo che alcuni drowner siano emersi dall'acqua e li abbiano mangiati vivi. Il problema è che io sono rinchiuso qui e non ho modo di fuggire...

Sono qui dentro da sei giorni. Dal terzo non sento più fame, i miei visceri si stanno digerendo da soli. Darei qualsiasi cosa per un goccio d'acqua. Anche marcia, anche brulicante di vermi. Ho bevuto la mia urina all'inizio, ma ormai ho smesso di produrne.

Non mi resta nulla. Nemmeno la speranza. A tenermi in vita è la volontà di finire questa lettera. Addio.

Anselm