Lytta Neyd

Da Witcher Wiki.
Lytta Neyd nella copertina di La Stagione delle Tempeste

Lytta Neyd era una maga, nota anche con il soprannome Corallo, per via del colore del suo rossetto preferito. Aveva lucenti capelli rossi e occhi verdi. Fa parte dei quattordici maghi caduti nella Battaglia di Colle Sodden, durante la Prima Guerra Settentrionale.

Nata a Skellige, il suo vero nome era Astrid Lyttneyd Ásgeirrfinnbjornsdottir.

Nel racconto Qualcosa di più, Geralt rievoca che alcuni anni prima la maga parlò male di lui al re Belohun, che così gettò lo strigo in prigione per una settimana. Dopo il suo rilascio, Geralt si diresse alla ricerca di Lytta per scoprire che cosa l'aveva spinta a fare una cosa del genere e inspiegabilmente si trovò nella letto della splendida maga per un'altra settimana.

Lytta Neyd detta Corallo. Doveva quel soprannome al colore del rossetto che usava. Una volta Lytta aveva parlato male di lui a re Belohun, tanto che era finito per una settimana nelle segrete. Quando lo avevano liberato, era andato da lei a chiedere spiegazioni. Senza sapere come, si era ritrovato nel suo letto e ci aveva passato un'altra settimana.
— pp. 420-421, La Spada del Destino


Questo evento viene descritto più in dettaglio nel romanzo La Stagione delle Tempeste.