Wraith notturna

Da Witcher Wiki.
(Reindirizzamento da Madre maledetta)

Quando il sole cala, i campi diventano il dominio degli spiriti notturni che traggono il loro potere dalla luce lunare. Oscura come la notte stessa e piena di dolore e rimpianto, la wraith notturna vaga per i campi illuminata dalla luce argentea della luna.

Non è chiaro se queste creature ("Północnica") nella mitologia polacca, siano le stesse "nocnica", descritte come creature che compaiono alla vigilia di Saovine, apparentemente amichevoli, forse anche amanti, che maledicono le donne incinte portandole a dare alla luce delle strigi.

Vedi anche:

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

Wraith notturna
Bestiary Nightwraith full.png
Dettagli
Classe
Spettri
Apparizioni
Le wraith notturne appaiono nei campi e nei prati al calare della notte, quando la luna è alta in cielo. Sono spettri, ma al tempo stesso mantengono un forte legame con il mondo naturale. Sono in grado di vedere i vivi, ma non di ascoltare ciò che dicono
Immunità
Le wraith notturne sono immuni all'accecamento, al veleno, al dolore, ai tentativi di sanguinamento e alla paura
Punti deboli
Sensili all'argento e all'unguento anti-spettro
Tattiche
Posso catturare la luce lunare e usarla per accecare i vivi
Alchimia
Polvere dei morti, polvere d'ombra e ectoplasma

Geralt incontra questi spettri vagando nei campi vicini al villaggio di Acque Oscure durante il giorno, nel Capitolo IV.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

"Le wraith notturne sono creature nate dalla luce lunare, dal vento e dalla terra raffreddata dopo il calore del giorno. Esse spuntano fuori dal terreno e si contorcono in una danza folle, alla quale nessun mortale dovrebbe assistere. Coloro che vengono sorpresi a spiare rimangono accecati dalla luce lunare e vengono portati nel circolo dove sono costretti a danzare fino alla morte, trasformandosi a volte essi stessi in una wraith notturna."

Luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Celina si trasforma in un wraith notturna dopo la sua morte.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

In The Witcher 3: Wild Hunt[modifica | modifica wikitesto]

Wraith notturni
Tw3 nightwraiths.png
Dettagli
Classe
Spettri
Variazioni
Jenny dei Boschi
Wraith del crepuscolo
Madre maledetta
Apparizioni
Campi e praterie, durante la notte
Immunità
Danni fisici, fino a che non attaccano o vengono intrappolate con Yrden o colpite con una bomba Polvere lunare
Punti deboli
Polvere lunare
Unguento anti-spettri
Yrden
Tattiche
Scompaiono e riappaiono altrove, possono evocare immagini illusorie di sé stesse che assorbono la vitalità di Geralt
Creazione/Alchimia
Mutagene di wraith notturno
Polvere di spettro
Capello di wraith notturno
Polvere infusa
Essenza oscura
Frammenti lunari

Le wraith notturne appaiono nuovamente in The Witcher 3, dove vengono chiamate wraith notturni.

Tattiche[modifica | modifica wikitesto]

I wraith notturni sono pressoché immuni agli attacchi fisici, fintanto che non vengono intrappolati con il Segno Yrden o colpiti con una bomba polvere lunare. A quel punto possono essere colpiti con una spada d'argento, meglio se imbevuta di unguento anti-spettri.

Sono in grado di accecare per qualche secondo Geralt e di scomparire, per poi far apparire tre versioni "fasulle" di sé stessi. Questi tre wraith hanno pochissimi punti vita (è sufficiente un colpo di una qualsiasi arma per ucciderli), ma quando si avvicinano abbastanza al witcher hanno la capacità di assorbire la sua vitalità e di ripristinare quella del wraith notturno. Per questo motivo, dovrebbero essere eliminati il più velocemente possibile, l'ideale sarebbe utilizzando una balestra. Una volta eliminate le tre versioni "fasulle", il wraith notturno riapparirà davanti a Geralt. Questo permette di piazzare subito una trappola Yrden e di colpirlo rapidamente, utile specialmente alle difficoltà più alte.

I danni inflitti dai wraith notturni sono elevati, ma fortunatamente non colpiscono rapidamente come i normali wraith. Tuttavia, i loro attacchi non possono essere parati, e se uno di questi mostri passa attraverso Geralt lascia il witcher stordito per qualche istante. Come sempre, il Segno Quen si rivela molto utile per difendersi.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

I wraith notturni emanano un'immensa tristezza e un'ira impotente... Li temo, come tutti. Ma, soprattutto, provo pietà per loro.
— Aelline Altsparr, trovatrice elfica.
Rispetto alle altre creature della notte... ad esempio, i katakan, i nekurat e i lupi mannari... i wraith notturni (e i loro cugini più rari, i wraith del crepuscolo) non sembrano poi così pericolosi. Dopotutto, che male potrebbe mai fare una pallida donna rinsecchita con addosso un vestito stracciato? La risposta è: parecchio. Invece di scoprirlo sulla vostra pelle, evitate a tutti i costi di attraversare di notte i campi e i pascoli.
Similmente ai wraith diurni, i wraith notturni si trovano soltanto nelle zone rurali. Spesso sono i viandanti a finirne vittima, ma, se vogliamo credere alle leggende, possono anche infiltrarsi nelle case e assassinare i contadini nel sonno.
Quando attaccano, i wraith notturni restano incorporei per la maggior parte del tempo, e qualsiasi colpo fisico gli passerà attraverso. Assumono una forma più tangibile soltanto per un breve momento, quando colpiscono la vittima. Se indeboliti, creeranno varie proiezioni di sé stessi che non possono attaccare direttamente, ma fingono da tramite attraverso cui il wraith notturno può prosciugare l'energia vitale della vittima.
I wrait notturni possono diventare incorporei e, pertanto, sono molto difficili da ferire. Per costringerne uno ad assumere forma corporea, bisogna prima intrappolarlo con il Segno Yrden o colpirlo con della Polvere Lunare.
Non bisogna credere alle vecchie leggende secondo cui i wraith notturni sono innocui di giorno: talvolta escono anche alla luce del sole, ma sono assai più deboli.

Fonte[modifica | modifica wikitesto]

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Vedi anche[modifica | modifica wikitesto]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]