We are currently performing an upgrade to our software. This upgrade will bring MediaWiki from version 1.31 to 1.33. While the upgrade is being performed on your wiki it will be in read-only mode. For more information check here.

Mercante di reliquie

Da Witcher Wiki.
Mercante di reliquie

Il Mercante di reliquie è un mercante e un personaggio secondario che compare nel Capitolo II di The Witcher 2: Assassins of Kings. Il mercante è anche un giocatore di dadi.

Puoi trovarlo solitamente seduto sempre allo stesso tavolo della mensa del Campo kaedweniano. Prima era un soldato che aveva combattuto nell'esercito di Kaedwen, ma dopo la morte di Sabrina Glevissig, si era ritirato e aveva deciso di aprire un'attività commerciando reliquie della maga e martire. In parte anche grazie alle storie messe in giro dal Visionario.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Se hai scelto di allearti con Vernon Roche alla fine del Capitolo I, hai bisogno di parlare con questo mercante per avere informazioni sulla maledizione del sangue e in particolare, sulla lancia del destino.

Missioni associate[modifica | modifica sorgente]

Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Dal diario[modifica | modifica sorgente]

Come direbbe un certo halfling, gli affari devono girare e possono essere messi in moto da qualsiasi cosa. Amuleti miracolosi, cappelli invisibili e scene sconce incise su legno di cedro hanno sempre venduto parecchio nei mercati, nelle fiere e nei campi militari. Sfruttando la popolarità del culto di Sabrina, quest'uomo intraprendente aveva iniziato a vendere delle reliquie che provenivano dal luogo dell'esecuzione. La richiesta di amuleti protettivi è sempre abbondante prima di una battaglia, perciò il mercante non poteva certo lamentarsi della mancanza di clienti.
Sebbene i chiodi che vendeva fossero nuovi, nonché in quantità tale da poter inchiodare tutti i partecipanti del vertice di Thanedd, che importanza aveva se i clienti e il venditore erano felici?


Galleria[modifica | modifica sorgente]