Gamepedia was upgraded to MediaWiki version 1.31 on Wednesday November 14th. To learn more about the upgrade and its effects click here.

Ospedale S. Lebioda

Da Witcher Wiki.
Ospedale San Lebioda
Places St Lebiodas Hospital exterior.png
La facciata dell'Ospedale San Lebioda
Places St Lebiodas Hospital pit.png
La fossa dove vengono bruciati i cadaveri degli appestati
Places Altar of Melitele.png
L'altare di Melitele nell'ospedale
Dettagli
Tipo
Ospedale (precedentemente tempio)
Luogo
Quartiere del Tempio di Vizima
Capitoli
Capitolo II e III

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

L' Ospedale San Lebioda è uno dei principali edifici del Quartiere del Tempio di Vizima. A nord di esso si trova la Strada degli Ambulanti, ad est la Strada dell'Ospedale e ad ovest la Strada degli Eroi della Guardia. È circondato da un grazioso giardino di cui ha cura il giardiniere, un ex mercenario e veterano della guerra contro Nilfgaard. L'ospedale è anche il luogo dove lavora Shani.

L'ospedale, che ha preso il nome dal Profeta Lebioda, è stato fondato sul precedente Tempio di Melitele. Ancora oggi una statua con i tre volti della dea si trova all'interno dell'edificio. Le infermiere e le novizie che operano in questo luogo tentano di aiutare le vittime della peste Catriona.

Non è un luogo piacevole, tutt'intorno si odono i lamenti dei malati e dei morenti. I corpi delle vittime vengono bruciati in un fosso nel giardino dell'ospedale. Recentemente l'Ordine della Rosa Fiammeggiante ha preso l'ospedale sotto la propria protezione.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

"L'ospedale intitolato al profeta Lebioda venne costruito sui resti di un vecchio tempio dedicato a Melitele. Tuttora al suo interno si trova una statua con i tre corpi della dea. Lì lavorano le infermiere e le novizie che cercano di aiutare la gente colpita dalla peste. Non è un luogo piacevole, essendo pieno delle urla di chi soffre e della puzza dei loro escrementi. I corpi di coloro che non sopravvivono alla malattia (la stragrande maggioranza) vengono gettati in una fossa dietro l'ospedale. Ogni tanto vengono bruciati in modo da non diffondere ulteriormente la piaga. Di recente, l'Ordine della Rosa Fiammeggiante ha posto l'ospedale sotto la propria protezione."

Ottenere l'accesso[modifica | modifica wikitesto]

L'ospedale è sorvegliato dalla guardia cittadina, che ha l'ordine di non far passare nessuno. Vi sono tuttavia un paio di modi per entrare.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Nel modulo premium Effetti secondari[modifica | modifica wikitesto]

In Effetti secondari l'ospedale appare come il "Tempio di Melitele". La grande buca accanto all'edificio, nella quale nella campagna principale venivano gettati e bruciati i cadaveri dei morti di peste, è giustificata dicendo che lì sorgeva una capanna saltata in aria di recente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante il Capitolo II, Geralt può riposare qui ogni volta che vuole.
  • Nel Capitolo II, se si parla con una delle infermiere più volte, partirà una conversazione nella quale la donna dirà che molte persone sono state avvelenate di recente con una sostanza che annerisce la lingua (una possibile citazione a "Il Nome della Rosa" di Umberto Eco).
  • Una novizia che prega presso l'altare può spiegare a Geralt che cos'è il culto di Melitele.
  • L'altare nell'ospedale può essere usato per offrire degli oggetti alla dea. La Novizia spiega che Melitele accetta solo offerte di cibo diverso dalla carne, poiché la dea non apprezza sacrifici in suo nome. In realtà però si può benissimo offrire qualunque tipo di cibo, anche carne. La prima volta che si fa un'offerta all'altare si riceveranno tre Sephiroth (Ghe'vrath, 'Oth e Veen'ah), utili per le missioni "Torre misteriosa" e "Monoliti". Ogni offerta successiva fornirà del vischio, un ingrediente alchemico.
  • Nei pressi dell'Ospedale vi sono delle erbe: barbacane, celidonia e verbena.
  • La colonna sonora all'interno dell'Ospedale (e nel tempio in Effetti secondari) è "Castle".

Galleria[modifica | modifica wikitesto]