Radovid V

Da Witcher Wiki.
Radovid V
Tw3 journal radovid.png
Radovid in The Witcher 3
Dettagli
Pseudonimi
il Forte
l'Inflessibile
Salvatore del nord [1]
Titolo
Re di Redania
Sesso
Maschio
Razza
Umano
Cultura
Regni Settentrionali
Nazionalità
Flag Redania.svg
Luogo
Tretogor
HMS Oxenfurt-Tretogor
Aspetto fisico
Occhi
Marrone chiaro[2]
Capelli
Pelato [3]
Famiglia
Famiglia
Dinastia redaniana
Genitori
Vizimir II (padre)
Hedwig di Malleore (madre)
Compagno/a
Adda la Bianca (moglie) / Anaïs La Valette (moglie/protetta) [4]
Parenti
Dalimira (sorella)
Milena (sorella)
Compare in
Interpreti
Voce italiana
Massimo Di Benedetto

Radovid V l'Austero è l'attuale re di Redania. È figlio di Vizimir II e Hedwig di Malleore, fratello di Dalimira e Milena.

Nel videogioco The Witcher[modifica | modifica wikitesto]

Radovid viene menzionato varie volte nel videogioco, ma soltanto nel Capitolo III Geralt lo incontrerà faccia a faccia. Il loro primo incontro non è "dal vivo", ma attraverso uno specchio di Hartmann, dove viene proiettata l'immagine del sovrano. Si incontreranno poi di persona nel suo nascondiglio nel Quartiere dei Mercanti di Vizima. I successivi incontri sono alla diga all'inizio del Capitolo V e nel Quartiere del Tempio durante l'Epilogo.

Nel gioco, Radovid sta tentando di fare quello che fece suo padre qualche decennio prima, cioè unire le due famiglie reali di Temeria e Redania. Per via di questo, chiede a Geralt un'opinione su Adda. Ha un qualche collegamento con Salamandra tramite degli "amici in comune", e ad un certo punto li ha considerati dei possibili alleati; tuttavia, in seguito, ha deciso di troncare ogni rapporto. È un individuo elegante, dotato di buone maniere e calcolatore. Sebbene sia molto più raffinato di Foltest, questo non lo rende meno pericoloso, anzi.

Se Geralt riesce a spezzare la maledizione caduta di nuovo su Adda, ci sarà una scena in cui la giovane coppia si unirà e inizierà il loro futuro di felicità insieme. Se Geralt uccide la strige, Radovid regnerà da solo.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Il centerbe di Redania, a giudicare dalla descrizione, è chiamato "forte" in onore di re Radovid il forte.
  • Il volto di Radovid è modellato su quello di Michał Madej, chief designer di The Witcher.

Video[modifica | modifica wikitesto]

In The Witcher 2: Assassins of Kings[modifica | modifica wikitesto]

Radovid V

Re Radovid V l'Inflessibile di Redania compare anche nel sequel The Witcher 2: Assassins of Kings. In particolare, Geralt ha la possibilità di incontrarlo nel Capitolo III.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Radovid prende parte alle trattative politiche tra Temeria, Kaedwen, Redania e i maghi nel corso di un vertice a Loc Muinne. A seconda delle scelte effettuate dal giocatore nel corso del gioco, Radovid prende in mano il destino del regno di Temeria e in particolare della possibile futura regina, Anais La Valette, unica erede ancora in vita di Foltest.

Se hai importato una partita dal precedente The Witcher, nel Prologo Foltest dice che la principessa Adda è sposata con Radovid. Se non hai importato alcuna partita, Foltest dice che Adda è morta. Di conseguenza, nel Capitolo III Vernon Roche dice nel corso di "Osso su osso", che Radovid potrebbe avere interesse nel prendere sotto la sua protezione e in futuro sposare la piccola Anais, per mettere le mani sul regno di Temeria.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Quando il padre di Radovid, Vizimir II, era caduto vittima di un assassino alcuni anni prima, il principe aveva soltanto tredici anni. Il paese piombò nel caos e, come spesso accade in simili circostanze, la Regina Hedwig non riuscì a mantenere il controllo... Come sempre, l'aristocrazia iniziò a divedersi in fazioni, cercando di strappare concessioni per i propri interessi. Alcuni arrivarono a leccare gli stivali degli emissari nilfgaardiani, dimostrando una certa pratica e un vero senso di dedizione al servilismo. Il Consiglio Reggente nominato per salvare il regno dal conflitto riuscì nel proprio intento, impiccando diversi traditori e ignorando il sovrano minorenne. Pertanto, nessuno dei nobili redaniani si aspettava che Radovid crescesse fino a diventare un monarca risoluto, determinato a ripagare tutte le umiliazioni che lui e la madre avevano dovuto subire durante il periodo di reggenza. Mentre suo padre si era conquistato il soprannome di "Vizimir il Giusto", il nuovo re venne ricordato dalla storia come "Radovid l'Inflessibile".
La maga Philippa Eilhart ebbe il discutibile piacere di verificare con i propri occhi... per modo di dire... come il soprannome di Radovid fosse appropriato: dopo averle letto una lista di accuse, sostenuto dall'odio personale e dalle informazioni del rappresentante imperiale, il re ordinò che Philippa venisse accecata. Il sovrano dimostrò chiaramente di non avere esitazioni nel punire i suoi nemici.
Se Geralt ha scelto il sentiero Iorveth:
Anche prima che Geralt mi riferisse le sue impressioni ricavate dal dialogo con Radovid, ero già convinto che avrei fatto meglio a evitare che il sovrano redaniano s'interessasse a me. Quando il witcher finì nei suoi sotterranei, il re non esitò a fornirgli un elenco di argomentazioni che spiegavano perché la ragione di stato non avesse in serbo niente di buono per lui e Triss. Tuttavia, ci tenne a specificare che non aveva niente di personale contro Geralt.
Contrariamente all'orgoglioso e, a volte, egocentrico Foltest, o all'incostante e grezzo Henselt, il re della Redania era un politico riservato a calcolatore. Geralt scoprì presto che non si trattava del tipo di uomo che si lascia ingannare e dissuadere dalle illusioni: il re avvertiva istantaneamente qualsiasi falsità, manovrando allo stesso tempo i suoi interlocutori affinché gli rivelassero le informazioni che cercava.
Radovid aveva dei piani ben precisi a proposito del regno confinante di Temeria. In vista di un'altra guerra contro Nilfgaard, Radovid e Henselt mirarono a spartirsi le terre temeriane per impedire che fossero acquisite dall'imperatore.
Se Geralt sceglie il sentiero Roche:
Radovid voleva che Geralt recuperasse Anais La Valette, la figlia di Re Foltest. La ragazza, completamente ignara della cosa, era un importante asso nella manica nel gioco dalla posta così alta: la successione al trono del defunto Foltest.
Se Geralt decide di affidare Anais a Radovid:
Radovid aveva dei piani ben precisi a proposito del regno confinante di Temeria. Quando il destino... incarnato nelle figure di un certo witcher e di un certo capitano delle Bande Blu... gli consegnò Anais La Valette, la figlia illegittima di Foltest, il re redaniano ottenne una pedina per costringere Temeria ad accettare di diventare un protettorato della Redania. E così, grazie ad abili manovre politiche, Radovid rafforzò notevolmente la sua posizione e quella del suo regno.
Se Geralt decide di affidare Anais a John Natalis:
Radovid aveva dei piani ben precisi a proposito del regno confinante di Temeria. Tuttavia, il destino... incarnato nelle figure di un certo witcher e di un certo capitano delle Bande Blu... consegnò Anais La Valette, la figlia illegittima di Foltest, al reggente temeriano, John Natalis. E così Radovid si ritrovò impossibilitato ad annettere Temeria al suo regno.
Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Manifesti di propaganda
  2. In The Witcher 2: Assassins of Kings
  3. Nella serie di videogiochi The Witcher
  4. Dipendente dalle scelte compiute nei primi due giochi