Radovid V l'Inflessibile - La dura salita verso la grandezza

Da Witcher Wiki.
Radovid V l'Inflessibile - La dura salita verso la grandezza
Tw3 book purple.png
Leggilo per ulteriori informazioni
Dettagli
Inventario/slot
Libri
Categoria
Oggetto comune
Tipo
Libro
Fonte
Bottino / Acquista
Prezzo base
10 corone
Vendita
2 corone
Peso
0 Peso

A least one copy of this book can be purchased from Keira Metz. Another can be found in the cellar of the ruins where the Dio Onnipotente lives.

Dal diario[modifica | modifica sorgente]

(...) Il che ci porta all'attuale epiteto del sovrano della Redania, l'Inflessibile. Andremo ora alla ricerca dell'origine e delle implicazioni di tale appellativo.

Innanzitutto il seme dell'inflessibilità di Re Radovid è certamente da ricercarsi nella sua infanzia: quando Radovid nacque da Re Vizimir e dalla Regina Hedwig nel 1255, fu subito affidato alle cure della maga di corte, Philippa Eilhart. Se nessuno può mettere in discussione le sue doti di istitutrice reale, è fuor di dubbio che la maga non deve certo avere ricoperto il bambino di tenerezze e la sua ferrea educazione ha lasciato un'impronta sul giovane Radovid.
Il passo successivo per il formarsi del suo carattere fu la morte del padre quando Radovid aveva solo 13 anni. Si dice che padre e figlio a malapena si conoscessero, in ogni caso trovarsi addosso una simile responsabilità e in circostanze così drammatiche deve averlo indurito molto.

Infine, a formare definitivamente il carattere di Radovid fu Dijkstra di Tretogor, che in qualità di capo del Consiglio Reggente insegnò al ragazzo un modo di gestire la politica improntato all'aggressività in nome della ragione di stato.

Da tutto questo deriva l'inflessibilità di Radovid, che ha generato alcune evidenti conseguenze. Sono ben noti i suoi modi fieri e implacabili, per esempio quando pretese l'appoggio dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante, o ancora quando sostenne i cacciatori di streghe e quando ordinò il massacro di Loc Muinne.

Tuttavia è nella lotta contro Nilfgaard che Radovid si è guadagnato meritatamente il suo appellativo: quando le forze degli altri regni si erano ormai disgregate di fronte alle violenze dell'esercito imperiale, è stato lui a prendere il comando delle truppe del Nord. Qualunque opinione si abbia di questo sovrano, non si può che concordare su un fatto: Radovid V l'Inflessibile è stato l'unico ed estremo baluardo del Nord di fronte alle mire espansionistiche di Emhyr.