Hi Gamepedia users and contributors! Please complete this survey to help us learn how to better meet your needs in the future. We have one for editors and readers. This should only take about 7 minutes!

Regina d'Inverno

Da Witcher Wiki.

Un'antica leggenda elfica narra della storia della Regina d'Inverno, che era solita attraversare il mondo su una slitta trainata da cavalli bianchi durante le tempeste. Mentre avanzava, seminava tutt'intorno a sé piccoli cristalli di ghiaccio e, chiunque fosse stato colpito da una di queste schegge, sarebbe stato perduto. Nulla li avrebbe più resi felici, tutto sarebbe parso loro triste, disgustoso e ripugnante... tutto eccetto il biancore della neve, del gelo e del ghiaccio. Essi si sarebbero lasciati tutto alle spalle, mettendosi alla ricerca della Regina d'Inverno, vagando per sempre senza essere in grado di trovarla. E sarebbero dunque morti, inseguendo il loro desiderio senza riuscire a realizzarlo.

Secondo Geralt, la Regina d'Inverno non era altro che la temibile Caccia Selvaggia, un corteo spettrale che piagava certe terre, rapendo i loro abitanti e costringendoli a seguire i cavalieri spettrali nella loro folle corsa.

«Tra gli elfi circola la leggenda della Regina d'Inverno, che durante le bufere percorre il paese su una slitta trainata da cavalli bianchi, seminando tutt'intorno piccole schegge di ghiaccio dure e appuntite. Guai a chi viene colpito da una di queste schegge all'occhio o al cuore. È perduto. Nulla potrà più rallegrarlo, tutto ciò che non avrà il biancore della neve diverrà per lui brutto, ripugnante, disgustoso. Non avrà pace, abbandonerà tutto e inseguirà la Regina, i propri sogni e il proprio amore. Naturalmente non li troverà mai e morirà di desiderio. Pare sia accaduto qui, in questa città, in tempi remoti. Una bella leggenda, vero?»

Geralt le sfiorò il braccio con le labbra. «Gli elfi sanno esprimere tutto con belle parole. Non è affatto una leggenda, Yen. È la descrizione suggestiva di quell'orribile fenomeno che è la Caccia Selvaggia, una maledizione di certe contrade. Un'inspiegabile follia collettiva che costringe la gente a seguire un corteo spettrale che percorre il cielo. Io l'ho visto. In effetti, accade spesso d'inverno. Mi hanno offerto una bella somma per porre fine a questa piaga, ma non ho accettato. Contro la Caccia Selvaggia non c'è niente da fare...»


Note[modifica | modifica wikitesto]