Shaerrawedd

Da Witcher Wiki.

Rovine elfiche

Shaerrawedd è il nome di un antico palazzo elfico di cui restano solo delle rovine — non edificato dagli elfi — che si trova nelle foreste di Kaedwen. Gli elfi lo distrussero dopo il secondo scontro con gli umani, per evitare che essi costruissero una città sulle sue fondamenta, come avevano già fatto per altre città. Al suo interno, nel suo cuore, cresceva un cespuglio di rose bianche come gigli. Gocce d'argento scendevano dai petali. Essi erano i fiori di Aelirenn, conosciuta anche come la Rosa Bianca di Shaerrawedd.

...La rosa di Shaerrawedd. Mi sono punto. Non è niente. Soltanto sangue. Il sangue degli elfi.


Davanti ad essi, per quello che il bosco permetteva loro di vedere, le rose emergevano delicate da blocchi di granito e marmo smussati dal vento e dall'erosione, decorati con fregi a lungo scavati dalle piogge, spezzati e frantumati dal freddo, distrutti dalle radici degli alberi. Tra i tronchi di colonne spezzate bianche, le arcate, i resti dei bassorilievi avvolti dall'edera e drappeggiati con strati muschio verde.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Il nome somiglia molto a quello della famosa Foresta di Sherwood, dei racconti di Robin Hood, che si trova in Inghilterra nel Nottinghamshire. Il nome è formato dalle parole in inglese antico "scìr" (luminoso, chiaro, contea) e "wudu" (bosco), e quindi si può tradurre come "foresta luminosa" o "bosco della contea". Non è chiaro però se il nome Shaerrawedd in Lingua Antica possa essere tradotto allo stesso modo.