Siegfried di Denesle

Da Witcher Wiki.
(Reindirizzamento da Siegfried de Dansley)
Siegfried di Denesle
W1 concept zygfryd.png
Siegfried nel videogioco The Witcher
Modulo
Dettagli
Titolo
Cavaliere dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante
Gran Maestro dell'Ordine (opzionale)
Razza
Umano
Sesso
Maschio
Occhi
Verdi
Capelli
Biondi
Nazionalità
Flag Redania.svg
Affiliazione
Ordine della Rosa Fiammeggiante
Abilità speciali
Abile spadaccino
Luogo
Denesle
Vizima
Loc Muinne
Famiglia
Genitori
Eyck di Denesle (padre)
Sophia (madre)[1]
Compare in
Interpreti
Voce originale
Wayne Forester (The Witcher)
Nicholas Boulton (The Witcher 2: Assassins of Kings)
Tomasz Bednarek (polacco)
Voce italiana
Marco Balbi

Siegfried di Denesle è un giovane cavaliere dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante.

Il primo incontro tra Geralt e Siegfried avviene nelle Fogne di Vizima che Siegfried ha chiuso pochi giorni prima dell'arrivo di Geralt, per tenere alla larga una pericolosa cockatrice. Siegfried è un cavaliere ligio al suo dovere, leale e fermamente fedele agli ideali dell'Ordine e della sua religione, il Fuoco Eterno, di cui non ha mai dubbi. Siegfriend è convinto che i witcher appartengano al passato e che debbano essere i cavalieri adesso, ad occuparsi della sicurezza del popolo e di uccidere i mostri. Siegfriend è anche un monaco e per questo motivo ha fatto voto di celibato.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Durante il loro primo incontro, Geralt può scegliere di farsi accompagnare dal cavaliere nella caccia al mostro, o può decidere di affrontare la cockatrice da solo. In ogni caso dopo che la creatura sarà stata uccisa ed entrambi si dirigono verso l'uscita delle fogne, i due vengono attaccati da un gruppo di uomini di Salamandra. Dopo un breve tafferuglio, Siegfried nomina un certo suo amico e detective privato, che potrebbe essere di grande aiuto a Geralt per le sue ricerche riguardo a Salamandra: Raymond Maarloeve.

Per il resto del Capitolo II e III, Siegfried passa la maggior parte del tempo alla sua postazione, che varia a seconda delle decisioni prese da Geralt nel corso degli eventi.

Nel Capitolo III, invece Siegfried sarà all'entrata del Chiostro, nel Quartiere del Tempio di Vizima.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal Diario[modifica | modifica wikitesto]

"Siegfried de Dansley, è un cavaliere dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante. È un idealista che aderisce alle regole dell'Ordine. Cordiale ed espansivo, è molto diverso dai confratelli dell'Ordine del quale non ha pregiudizi. È innegabilmente coraggioso e lo ha dimostrato scendendo da solo nelle fogne per combattere la cockatrice."
Io e Siegfried abbiamo sconfitto la cockatrice insieme. Il cavaliere si è dimostrato uno spadaccino abile e leale.
Se Geralt non si allea con Yaevinn in Forza di ricognizione:
I cavalieri condotti da Siegfried hanno sconfitto gli Scoia’tael durante lo scontro al Cimitero dei Golem.
Sento che Siegfried inizia a vedere oltre i suoi pregiudizi. Ha compreso che uccidere i mostri non eliminerà il male da questo mondo e i suoi servigi nei confronti dell'Ordine talvolta lo obbligano a scegliere il maggiore dei mali.
Durante la rapida alla banca nel Quartiere dei Mercanti, mi sono opposto a Yaevinn e ai suoi uomini insieme a Siegfried. L'attacco ha rinforzato le convinzioni del cavaliere che l'odio dell'Ordine nei confronti dei non-umani è giustificato.
Ho chiesto a Siegfried dell'aiuto militare durante la'aasalto al quartier generale di Salamandra a Vizima. Il cavaliere, che ha partecipato al ricevimento di Leuvaarden, ha accettato di aiutarmi a distruggere l'organizzazione.
Se Geralt sceglie il Sentiero dell'Ordine:
Sulla collina per l'Antico Castello, durante la battaglia con Salamandra, il mio amico mi ha aiutato di nuovo.
Se Geralt sceglie la Sentiero Witcher / neutrale:
Siegfried de Dansley è morto per mano mia mentre si frapponeva tra me e il Gran Maestro. È rimasto leale all'Ordine della Rosa Fiammeggiante sino alla fine.
Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Non è ben chiaro il motivo per cui nella versione italiana di The Witcher, si è deciso di cambiare il nome originale del personaggio da "Siegfried de Denesle" a "Siegfried de Dansley".
  • In una delle varie conversazioni, Siegfried sostiene che il cavaliere Eyck di Denesle sia suo padre, morto durante lo scontro con una Manticora. Non sappiamo se questa sua dichiarazione abbia qualche riscontro veritiero nella realtà. Ma a maggiore ragione, non si spiega la necessità di mutare il nome del personaggio nel videogioco, tagliando via così ogni tipo di riferimento al cavaliere descritto in "Il limite del possibile".
  • Nel corso della missione "La Grande Fuga", Geralt e Siegfried s'incontrano nelle fogne e il cavaliere si offre di aiutarlo a uccidere la cockatrice:
    • Se Geralt accetta, guadagni 800 PE al termine dello scontro
    • Se Geralt non accetta, guadagna 1000 PE.
  • Ci sono due conseguenze a questa scelta che cambiano alcune cose nel Capitolo II:
    • Se Geralt combatte con Siegfried, il cavaliere gli permetterà di accedere alla diga e poi tornerà alla sua postazione solita.
    • Se Geralt combatte da solo, Siegfried sarò a guardia dell'Ospedale S. Lebioda e garantirà a Geralt l'accesso gratis all'edificio.
  • Più tardi nel Capitolo II, Siegfried sarà nella radura nei pressi del Bosco dei Druidi, nella palude, a comando di un gruppo di soldati per combattere gli Scoia'tael. Vedi "Forza di ricognizione"
  • Durante la missione "Gli eroi di Yaevinn", se Geralt si allea con Siegfried e l'Ordine, i soldati lo aiuteranno più tardi nell'assalto al nascondiglio di Salamandra e alla fine del Capitolo IV, può ancora scegliere se restare neutrale o parteggiare con gli Scoia'tael.
  • Nel Capitolo III, nel Quartiere dei Mercanti di Vizima, si possono sentire alcune voci che dicono che Siegfried sia il figlio illegittimo di Jacques de Aldersberg, fondatore dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante e Gran Maestro. Probabilmente solo pettegolezzi.
  • Durante l'Epilogo, se hai scelto il sentiero neutrale, si può anche decidere di non affrontare Siegfried. In ogni caso dovrai combattere un'apparizione del cavaliere nelle Lande Ghiacciate.
  • Siegfried ha il volto di Konrad Tomaszkiewicz, designer di CD Projekt RED.

In The Witcher 2: Assassins of Kings[modifica | modifica wikitesto]

Siegfried in The Witcher 2

Siegfried compare anche in The Witcher 2, nel Capitolo III, quando Geralt giunto a Loc Muinne, incontra i cavalieri dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

È possibile incontrarlo sia avendo importato una partita salvata dal precedente videogioco, che giocando una partita del tutto nuova. Tuttavia, solo se in The Witcher, hai scelto il sentiero dell'Ordine e non il sentiero Neutrale o Scoia'tael (e se hai scelto come tuo alleato Vernon Roche).

Nota: ci sono però delle piccole incongruenze riguardo a questo particolare in The Witcher 2, perché alcuni giocatori riportano che sia possibile incontrare Siegfried anche se hai scelto il sentiero Neutrale in TW1.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

La casta dei cavalieri dovrebbe obbligare i propri membri a seguire la via dell'onore, nonché determinate regole e ideali. Sfortunatamente, in questi tempi corrotti molti dei cavalieri, dimenticando i voti presi, sono più interessati ai propri privilegi e alle occasioni di riempirsi il borsello. Rispetto a quei falsi cavalieri... baroni furfanti e altre canaglie nobiliari... la casata dei Denesle si ergeva come un leone tra i cani bastardi. Così come suo padre, Eyck di Denesle prima di lui, il giovane Siegfried aveva sempre seguito severe regole morali e un ferreo codice d'onore, al punto che la sua devozione rasentava spesso il fanatismo. Durante il nostro ultimo incontro, Siegfried... cavaliere dell'Ordine della Rosa Fiammeggiante... aveva svolto un ruolo importante negli eventi della capitale di Temeria, Vizima.
Se Geralt si è alleato con l'Ordine, in The Witcher (salvataggio importato)
Fu proprio in nome di questo passato comune che Siegfried non fece obiezioni alla richiesta di Geralt di entrare a Loc Muinne.
L'amicizia tra il cavaliere e il witcher si rivelò nuovamente utile quando Geralt e Roche affrontarono una pattuglia dell'Ordine inviata a scortare Anais La Valette sotto l'ala protettiva di Radovid. I piani del witcher e del temeriano erano ben diversi da quelli del sovrano, e uno spargimento di sangue sembrava inevitabile... Tuttavia, ricordando la propria amicizia, il cavaliere di Denesle "dimenticò" di aver visto i due uomini nel campo kaedweniano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • In The Witcher 2: Assassins of Kings, il nome di Siegfried è stato ripristinato come nell'originale inglese in "de Denesle".
  • A seconda del sentiero scelto in The Witcher e delle decisioni prese nelle varie missioni quali "Gli eroi di Yaevinn", Siegfried si rivolgerà a Geralt in modo diverso, più o meno sospettoso.
Dettagli significativi della trama finiscono qui.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]