Skalen Burdon

Da Witcher Wiki.


Tw2 journal Skalenburdon.png

Skalen Burdon è un giovane nano che Geralt incontra nel Capitolo II di The Witcher 2: Assassins of Kings, a Vergen.

Skalen è un giocatore di dadi che Saskia descrive come "un giocatore d'azzardo abitudinario... Forse il migliore di Vergen". Il giovane è anche nipote del capo della comunità della città, Cecil Burdon.

Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Il nipote di Cecil, il giovane Skalen Burdon, fu adottato dal consigliere che lo prese con sé alla morte dei suoi genitori, caduti in uno dei massacri di non-umani verificatisi nell'Aedirn. Gentile, efficiente e gran lavoratore come suo zio, Skalen assunse il ruolo di ufficiale rappresentante di Vergen durante la sua assenza, offrendo a tutti i nuovi arrivati informazioni sulla città e aiuto in caso di bisogno.
Attenzione: Spoiler!: Dettagli significativi della trama a seguire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Se Geralt batte Skalen più di due volte a dadi, il nano da al witcher un Mantello degli Stendardo Grigio, che può essere utilizzato nella missione "Il simbolo della morte".
  • Quando Geralt ottiene la Punta di lancia che trafisse Sabrina, dopo averlo battuto la prima volta, Skalen racconta di possedre anche una "spada della principessa guerriera Xenthia", ma nulla viene aggiunto inventario Geralt, a meno che questi non giochi continuamente fino ad ottenere il mantello. In tal caso, otterrà anche la spada.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]