Tra i mondi

Da Witcher Wiki.

Copia di Olgierd[modifica | modifica wikitesto]

Tra i mondi
Tw3 book brown3.png
Leggilo per ulteriori informazioni.
Dettagli
Inventario/slot
Oggetti missione / Libri
Categoria
Oggetto comune
Tipo
Libro
Fonte
Tenuta dei von Everec, nella sesta "memoria dipinta" di Iris
Prezzo base
corone
Costo
corone
Vendita
1 corone
Peso
0 Peso

Geralt legge questo libro per comprendere meglio cosa facesse Olgierd nel suo studio, nell'espansione Hearts of Stone.

Missioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

Di tutte le creature che abitano i mondi più lontani, gli spiriti degli elementali sono i più alieni dalla natura umana. Possiedono volontà propria, anche se in maniera diversa dagli umani, che non sono in grado di comprendere le loro intenzioni.

I geni, che sono i più potenti fra gli spiriti elementali, sono i nemici più temibili per gli uomini. Solo chi padroneggia realmente la magia può affrontarli, dopo anni di studio e di esperimenti rischiosi. E persino il mago più esperto può fallire nel tentativo di controllare un genio o di piegarlo alla propria volontà.

Si racconta che una volta il potente mago Stammelford abbia ordinato a un d'ao di spostare una montagna che oscurava la vista dalla sua torre. Tuttavia non riuscì, nonostante i suoi sforzi, a farsi aiutare dal genio, dal momento che la volontà di tali creature sfugge completamente all'umana.

Copia dell'erborista di Castel Ravello[modifica | modifica wikitesto]

Tra i mondi
Tw3 book blue.png
Leggilo per ulteriori informazioni.
Dettagli
Inventario/slot
Libri
Categoria
Oggetto comune
Tipo
Libro
Fonte
Bottega dell'erborista di Castel Ravello, in un baule.
Prezzo base
10 corone
Peso
0 Peso

Nel retro della bottega dell'erborista di Castel Ravello Geralt trova una differente versione del libro "Tra i mondi", nell'espansione Blood and Wine.

Dal diario[modifica | modifica wikitesto]

In una terra non dissimile dalla nostra viveva un re di nome Azgaryk. Ormai anziano, si ammalò e sentendo prossima la fine evocò uno spirito malvagio di nome Marbas per stringere un patto con lui: Azgaryk sarebbe vissuto fino a quando il figlio non avesse avuto l'età per succedergli al trono.

Passarono dieci anni. Azgaryk morì e accanto al suo corpo si materializzò Marbas, che si rivolse all'erede al trono con queste parole:

"Tuo padre mi ha fatto una promessa e tu devi onorarla."

"Una promessa in cambio di cosa?" chiese il giovane. "E cosa vuoi da me?"

"La tua vita!" esclamò Marbas, e gli tagliò la gola con un artiglio. Il ragazzo non era ancora morto quando Marbas aprì un portale per un'altra dimensione dal quale spuntò un esercito mercenario guidato da uno spirito di nome Berith.


Marbas sedette sul trono di Azgaryk e il regno visse tempi difficili. La gente si ribellò ma Marbas inviò Berith e il suo esercito a sterminare i rivoltosi. Berith si guadagnò il soprannome di Sovrano Cremisi e Marbas, sempre ingordo, lo mandò a conquistare i regni vicini. Il Sovrano condusse campagne per secoli, perdendo molti soldati, ma Marbas non era mai sazio.

Alla fine tutti i popoli di tutti i continenti furono sottomessi a Marbas, mentre il Sovrano Cremisi aveva perso tutti i suoi uomini. Allora si inginocchiò davanti a Marbas e gli disse:

"Ho portato a termine l'incarico che mi avevi affidato. Ora ti chiedo la mia ricompensa, l'arma che nessuno scudo può fermare."

"L'avrai!" rispose Marbas, digrignando i denti. Il re estrasse allora dalla veste una fiala contenente una pestilenza.

Fatto questo, la lanciò a terra ma il Sovrano Cremisi, conosceva Marbas abbastanza bene da aspettarsi una trappola, così aprì un portale e fuggì prima che la fiala si infrangesse sul pavimento. Tuttavia dal portale fuoriuscì un vento impetuoso che aprì la finestra della sala del trono di Marbas e la pestilenza si diffuse in tutto il mondo.

Da allora Marbas vive rinchiuso in una torre da cui può vedere solo montagne di cadaveri mentre Berith, il Sovrano Cremisi, si aggira ancora per l'universo offrendo i suoi servigi come mercenario, sempre in cerca di vendetta.