Borch Tre Taccole

Da Witcher Wiki.
(Reindirizzamento da Villentretenmerth)
Borch (Andrzej Chyra) in The Hexer serie TV

Stemma di Borch

Borch Tre Taccole (alias Villentretenmerth il Drago d'oro) compare nel racconto Il limite del possibile (Granica możliwości). E'un cavaliere che viaggia in compagnia di due Zerrikaniane, Tea e Vea che definisce come le sue "armi". Non indossa infatti spade o simili dicendo che non può portarle, senza aggiungere ulteriori spiegazioni.

Geralt lo incontra dopo aver ucciso un basilisco. Borch Invita lo strigo alla vicina locanda e lo interroga sulla sua filosofia, compiaciuto di apprendere che Geralt non dà la caccia ai draghi dato che non minacciano gli umani. Invece, secondo Geralt, sono gli esseri umani piuttosto una minaccia per i draghi.

Successivamente nel racconto si scopre che Borch è anche il compagno di Myrgtabrakke, una femmina di drago, uccisa a Hołopole da un gruppo di cacciatori di draghi. In effetti Borch è la forma umana celata dal drago d'oro Villentretenmerth. Questi adotta poi il cucciolo di Myrgtabrakke, che la femmina portava in grembo prima di morire.

Sebbene sia Geralt che Yennefer ancora non sapessero che Borch era in effetti il drago a cui stavano dando la caccia nel racconto Il limite del possibile, Yennefer chiede a Geralt di ucciderlo per poterne estrarre un ingrediente utile per una medicina che curi la sua sterilità. Geralt si rifiuta con grande disappunto e dispiacere della maga.

Nel film e nella serie TV The Hexer[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi sono descritti nell'episodio della serie TV "Smok" ("Il drago"), basato su questo racconto.

Nei fumetti[modifica | modifica wikitesto]

La storia è stata adattata nel volume Il limite del possibile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo stemma è un vero simbolo usato da famiglie nobili polacche e lituane. Per saperne di più puoi consultare questo articolo.
  • Nel racconto Il limite del possibile, Borch rivela che il suo nome draconiano "Villentrentenmerth" significa "tre uccelli neri", spiegando così l'origine dell'appellativo "Tre Taccole".
  • La taccola è un uccello del genere corvus, che compare anche nello stemma del cavaliere.